Discussione:
Dismesso verso rottamazione
(troppo vecchio per rispondere)
ADPUF
2016-11-26 20:43:51 UTC
Permalink
Sto facendo un corso di inglese, ed è molto più ambiguo
dell'italiano, la stessa parola spesso ha significati molto
diversi, oppure l'inutile complicazione della pronuncia,
basta allungare un pò una lettera e cambia il significato.
E come si spiega allora che i testi scientifici e tecnici
bilingue, ovvere con le traduzioni a fronte, evidenziano che
il testo inglese e' molto piu compatto (usando anche
caratteri piu' grossi, visto lo spazio libero) rispetto a
quello italiano molto piu' prolisso ?
E i testi in cinese sono più o meno compatti?

[giro su ICL]
--
AIOE °¿°
Maurizio Pistone
2016-11-27 10:08:31 UTC
Permalink
Post by ADPUF
E come si spiega allora che i testi scientifici e tecnici
bilingue, ovvere con le traduzioni a fronte, evidenziano che
il testo inglese e' molto piu compatto (usando anche
caratteri piu' grossi, visto lo spazio libero) rispetto a
quello italiano molto piu' prolisso ?
E i testi in cinese sono più o meno compatti?
io ho fatto una verifica, ho scritto un testo che doveva essere inserito
in uno spazio fisso (una pagina con illustrazioni già collocate) poi mi
sono fatto fare le traduzioni in inglese, francese, tedesco

devo precisare che solo la traduzione in tedesco è stata fatta da
un'interprete (non traduttrice) professionale, che vive già da qualche
anno a Berlino; quella in inglese da un'insegnante italiana, quella in
francese da un madrelingua non traduttore di professione (era tutto un
lavoro fatto per la gloria)

tutte le traduzioni sono risultate più lunghe dell'originale, ed ho
dovuto adattarmi riducendo di mezzo punto il carattere

è vero che quando io scrivo (se ho tempo) rivedo più volte il testo ed
elimino maniacalmente le parole inutili

ma da questo test, con tutte le limitazioni che comporta, potrebbe
risultare che vi è una differenza significativa a seconda della
direzione della traduzione: indipendentemente dalle lingue, la
traduzione tende ad essere meno compatta
--
Maurizio Pistone strenua nos exercet inertia Hor.
http://blog.mauriziopistone.it
http://www.lacabalesta.it
Roberto Deboni DMIsr
2016-11-28 00:16:33 UTC
Permalink
Post by Maurizio Pistone
Post by ADPUF
E come si spiega allora che i testi scientifici e tecnici
bilingue, ovvere con le traduzioni a fronte, evidenziano che
il testo inglese e' molto piu compatto (usando anche
caratteri piu' grossi, visto lo spazio libero) rispetto a
quello italiano molto piu' prolisso ?
E i testi in cinese sono più o meno compatti?
io ho fatto una verifica, ho scritto un testo che doveva essere inserito
in uno spazio fisso (una pagina con illustrazioni già collocate) poi mi
sono fatto fare le traduzioni in inglese, francese, tedesco
devo precisare che solo la traduzione in tedesco è stata fatta da
un'interprete (non traduttrice) professionale, che vive già da qualche
anno a Berlino; quella in inglese da un'insegnante italiana, quella in
francese da un madrelingua non traduttore di professione (era tutto un
lavoro fatto per la gloria)
tutte le traduzioni sono risultate più lunghe dell'originale, ed ho
dovuto adattarmi riducendo di mezzo punto il carattere
Mi permetto di contestare l'operato della insegnante italiana ?
Una lingua non e' solo "grammatica". L'insegnante italiana avra' certamente
rispettato tutte le regole grammaticali della lingua inglese, ma, in base
alla sua affermazione, io rilancio con questa affermazione: l'insegnante
inglese ha usato una "costruzione" delle frasi tipiche della lingua nativa.
Punto.

La sfido a darmi il testo in italiano e la traduzione della insegnante
italiana e vedra' che, nonostante che non sono inglese (ma ho una
conoscenza a livello nativo dell'inglese) so fare molto meglio in termini
di "lunghezza" del testo. Anzi, ho il sospetto che quello che mi trovero'
a leggere del testo "pseudo-inglese" e' quello che in un italiano che
legge un italiano fatto da stranieri identificato come "italiano
maccheronico".

Chiaramente, si tratta di un "testo" e non di una "frase" (non escludo
che possano esserci frasi in cui effettivamente l'italiano si piu'
corto del corrispettivo inglese, dopo tutto anche le singole parole
possono avere la loro importanza).
ADPUF
2016-12-02 18:34:45 UTC
Permalink
Post by Maurizio Pistone
Post by ADPUF
E come si spiega allora che i testi scientifici e tecnici
bilingue, ovvere con le traduzioni a fronte, evidenziano
che il testo inglese e' molto piu compatto (usando anche
caratteri piu' grossi, visto lo spazio libero) rispetto a
quello italiano molto piu' prolisso ?
E i testi in cinese sono più o meno compatti?
io ho fatto una verifica, ho scritto un testo che doveva
essere inserito in uno spazio fisso (una pagina con
illustrazioni già collocate) poi mi sono fatto fare le
traduzioni in inglese, francese, tedesco
devo precisare che solo la traduzione in tedesco è stata
fatta da un'interprete (non traduttrice) professionale, che
vive già da qualche anno a Berlino; quella in inglese da
un'insegnante italiana, quella in francese da un madrelingua
non traduttore di professione (era tutto un lavoro fatto per
la gloria)
tutte le traduzioni sono risultate più lunghe dell'originale,
ed ho dovuto adattarmi riducendo di mezzo punto il carattere
è vero che quando io scrivo (se ho tempo) rivedo più volte il
testo ed elimino maniacalmente le parole inutili
ma da questo test, con tutte le limitazioni che comporta,
potrebbe risultare che vi è una differenza significativa a
seconda della direzione della traduzione: indipendentemente
dalle lingue, la traduzione tende ad essere meno compatta
I file di testo dei Promessi sposi:
finnico: 1,4 MByte
inglese: 919,9 KByte
italiano: 1,3 MByte

Boh...
--
AIOE °¿°
Loading...